Don Michele Mottola aggredito sull’Asse Mediano, il suo avvocato: “Riduzione della pena”

Trentola Ducenta. Caso Don Michele, la ricostruzione dell’agguato sull’Asse Mediano

“Gli è stato fatto un vero e proprio agguato. Sull’Asse Mediano nel territorio di Napoli”. A dirlo l’avv. Antimo D’Alterio, difensore di Don Michele Mottola, il prete di Trentola Ducenta (Caserta) ma originario di Qualiano (NA), arrestato per aver abusato di una bambina ed attualmente detenuto nel carcere di Secondigliano ove stamane è stato ascoltato dal gip del Tribunale di Napoli Nord.

In un’intervista rilasciata all’Adnkronos, l’avvocato del sacerdote spiega cosa è accaduto qualche giorno prima del fermo giudiziario del suo assistito. “Non voglio fare apparire don Michele Mottola come una vittima ma in questo momento è molto provato perché dieci giorni fa è stato aggredito dal papà della bambina, vittima degli abusi sessuali, sull’asse mediano nel territorio di Napoli. Gli è stato fatto un vero e proprio agguato. Episodio che è stato denunciato alla magistratura. È stato speronato con l’auto e aggredito fisicamente. Solo l’intervento di due motociclisti ha evitato il peggio. Basta guardare le foto delle auto che abbiamo conservato per capire la gravità dell’episodio. Sul posto sono stati allertati i vigili urbani di Napoli e don Michele è stato pure refertato in ospedale per alcune ferite riportate al volto – ha aggiunto l’avvocato D’Alterio -. Lui ha ammesso sia con il vescovo che con il gip oggi questa sua debolezza e ha chiesto scusa a tutti. Se il gip non dovesse concedergli i domiciliari, aspettiamo la fissazione del riesame per chiedere una pena meno afflittiva”.

In brevi parole l’avvocato di Michele Motorola afferma che, vista l’aggressione – ancora da confermare – debbano essere applicati al suo assistito i domiciliari o una consistente riduzione di pena. Come se tutto potesse essere dimenticato. A ogni uno la propria pena. Se il padre della ragazza ha commesso un errore pagherà, ma non sulla pelle della figlia

vi terremo aggiornati…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...